Ballando ballando tra jazz e circo

In Teatro

Un mese di balletti al Piccolo con alcuni appuntamenti che segnano nuovi stili della danza, da Carolyn Carlson all’Aterbaletto alle acrobazie di Marie-Louise

Giugno è arrivato finalmente anche quest’anno; questa volta però non segna il finire della stagione teatrale al Piccolo, bensì un intero mese dedicato in modo particolare alla danza. Gli appuntamenti sono tanti, e si susseguono velocissimi uno dietro l’altro – motivo per cui è bene prendere l’agenda.

Ad aprire l’esperienza di quest’anno è stato un caleidoscopio di colori immagini suoni ed evocazioni: con Mr & Mrs Dream Marie-Claude Pietragalla e Julien Derault danzano su un misto di musica techno, classica e rock per rievocare l’opera di Ionesco.

4-6 giugno
Tre giorni in cui abbiamo la possibilità di assistere ad un trittico della Carolyn Carlson Company, una compagnia fondata dalla Carlson stessa che è solita stupire il suo pubblico per la forza d’improvvisazione e per la componente poetica e spirituale che anima le sue danze.
Tre coreografie che ci riportano direttamente alla grande energia della famosa danzatrice, Immersion, che ci immerge direttamente in mezzo alle onde, chissà se anche portandoci un po’ di refrigerio; Li, che ci teletrasporta all’origine di tutte le cose, alla loro vera essenza; e infine Mandala, che ci ricorda la forza energica della vita.

5-8 giugno
Come ogni anno non possono mancare a solcare il palcoscenico del grande teatro milanese i ballerini e le ballerine dell’Aterballetto.
Quasi contemporaneamente alla nuova Isadora Duncan tocca a Mauro Bigonzetti allietarci con due coreografie dinamiche ed energiche che ci fanno viaggiare velocemente attraverso l’Europa e il tempo, WAM, ispirata alla musica del grande compositore Mozart, e Cantata, che invece ci permette di conoscere la musica popolare del sud d’Italia.

12-15 giugno
Sempre della compagnia di danza marchigiana ci viene proposto un trittico decisamente variegato, tre modi di interpretare la danza molto diversi l’uno dall’altro, tre concezioni incredibilmente differenti dell’uso di quest’arte, ma che ci deliziano con la bravura dei ballerini della compagnia che risultano molto versatili mettendosi in gioco in Don Q, Vertigo, Rain Dogs rispettivamente di Eugenio Scigliano, Mauro Bigonzetti e Johan Inger, coreografo del Nederlands Dans Theatre.

Il 15 giugno, invece, ancora Aterballetto presenta Tempesta/the Spirits, Games, Nude Anime e Spring, quattro coreografie ideate nell’ordine da Cristina Rizzo, Saul Daniele Ardillo, Valerio Longo e Philippe Kratz, impegnati a restituire al pubblico un assaggio della complessità della danza nuova contemporanea.

E dal 18 al 21 giugno Aterballetto e Mauro Bigonzetti incontrano la canzone Certe notti di Luciano Ligabue, dando vita a una coreografia animata dalla profonda alchimia tra testo, musiche e movimenti.

23-25 giugno
La possibilità di affascinare l’esigente pubblico milanese prima delle vacanze è data dal francese Brahim Bouchelagem che, in prima italiana, ci presenta Tracks. Con uno stile personalissimo e vigoroso mescola sul palco hip hop, Jazz, musica degli anni Venti con la danza contemporanea, rischiando di lasciare il pubblico a bocca aperta.

26-28 giugno
L’ultimo appuntamento ci lascia in un modo del tutto particolare, questa volta la danza è legata al circo e al teatro: con Marie-Louise e L’Éolienne ritroviamo ad assistere a un approccio atipico della danza con diverse contaminazioni acrobatiche (come già aveva fatto Daniele Finzi Pasca all’inizio dell’anno con La Verità: lo spettacolo presenta una commistione di generi, troviamo infatti teatro, parole, canti, musica, con una forte componente acrobatica e di danza, che è sicuramente interessante da esplorare e appagante per gli occhi.

11573a5afff59cfd640dc87034a780ab

Mata Hari sosteneva che la danza fosse una poesia in cui ogni parola è un movimento: e allora perché non provare a rilassarci con una o più di queste poesie visive?

La grande danza al Piccolo Teatro: calendario completo

(Il ritratto di Carolyn Carlson è di Laurent Paillier, il video appartiene al canale FNDAterballetto, lo scatto da L’Éolienne è di Roberto Ricci)